Mandato-non-esclusivo-agenzia-immobiliare

Mandato non esclusivo agenzia immobiliare

Vuoi vendere casa e ti stai chiedendo se dare un mandato non esclusivo all’agenzia immobiliare?

Questo è un tema molto caldo, a volte terreno di scontro tra chi vende casa e l’agente immobiliare. Infatti in molte città italiane chi vende casa in genere non vuole dare un’esclusiva all’agenzia, per evitare svantaggiosi vincoli. Non sempre infatti l’esclusiva è un vantaggio per chi vende, benché dipende dal servizio proposto.

Se vuoi vendere casa senza esclusiva ti capisco, infatti non è raro sapere di persone che se ne sono pentite.
D’altra parte è anche vero che l’esclusiva deve essere un vantaggio reciproco e non può essere solo a vantaggio dell’agenzia. Per questo viene inserita una penale, ma anche su questo occhio perché la penale non può essere pari alla provvigione. E molto probabilmente il tuo agente non te lo dirà.

Vuoi valutare casa?

Cos’è il mandato non in esclusivo (o incarico senza esclusiva)

In questo caso il termine mandano non in esclusiva è erroneamente utilizzato per indicare l’incarico non in esclusiva. Il mandato può essere con rappresentanza o senza rappresentanza, ma è tutt’altra cosa. Per rimanere nell’ambito della mediazione immobiliare, si utilizza il termine incarico, che appunto può essere di tre tipologie:

  1. verbale;
  2. scritto senza esclusiva;
  3. con esclusiva (ovviamente scritto).

 

Brevemente l’incarico (di qualsiasi tipologia) è semplicemente un accordo tra chi vede casa e l’agente immobiliare. Nell’accordo vengono riportati gli estremi dell’immobile, del proprietario, le clausole regolamentate e le tempistiche. Quando l’incarico è verbale, come dice la parola, non c’è nulla di scritto ed è quindi un semplice patto a parole. Un incarico verbale è sempre un incarico non esclusivo.

Viceversa, le altre due tipologie di incarichi sott’intendono accordi scritti.
Rispetto all’incarico non in esclusiva, in quello con l’esclusiva è indispensabile indicare una data di fine mandato. Ovviamente, un incarico scritto rispetto a quello semplicemente verbale, sottolinea la ferma volontà da parte del proprietario di vendere casa.

Vediamo le specifiche nel prossimo capitolo.

Contenuto dell’incarico senza esclusiva

Un incarico scritto, non in esclusiva deve contenere i seguenti punti:

  1. Indicazione “incarico di vendita immobiliare” o “regolamento di vendita immobiliare tramite agenzia”;
  2. Estremi dell’agenzia immobiliare;
  3. I dati dell’immobile (ubicazione, composizione, estremi catastali, ecc);
  4. Estremi dei/del proprietari/o
  5. Documenti che se mancanti sono da reperire (tipo la certificazione energetica, relazione tecnica ecc);
  6. Prezzo di vendita richiesto;
  7. Clausola di non esclusività (o di esclusiva in caso fosse di esclusiva);
  8. Data di inizio dell’incarico;
  9. Eventuale data di fine (obbligatoria se di esclusiva);
  10. Eventuali rimborsi spesa;
  11. Provvigione dell’agenzia;
  12. Servizi offerti dall’agenzia;
  13. Normativa privacy;
  14. Firme delle parti

Clausola di esclusività: approfondimento

Un in carico esclusivo può limitare il cliente, ma non è corretto, ne ha valore legale, a meno che l’agenzia offra servizi che diano davvero un valore aggiunto al cliente finale. La legge infatti non vede di buon occhio un contratto che avvantaggia solo una delle due parti. Il cliente che accetta l’esclusiva offre all’agenzia un privilegio nella vendita della casa rispetto ad altri concorrenti. Ma dal momento che questo può limitare la libertà contrattuale del venditore, l’agenzia deve offrire un servizio concreto al proprietario. Il servizio va riportato nel contratto. Ci dev’essere un equilibrio tra il servizio offerto e la clausola di esclusività.

Confronto mandato con esclusiva e mandato senza esclusiva

Oltre la metà di chi vende casa si avvale dei servizi di un’agenzia immobiliare, ma una buona parte di questi non vuole vincolarsi. Altri, invece scelgono di far fare tutto all’agenzia e firmano un mandato di esclusiva immobiliare.
Quindi la risposta a questa domanda richiede un po’ di buon senso. Se è vero che con un incarico “aperto” si è liberi di utilizzare più canali, dall’altra parte non si pretende impegno da parte di nessuno. L’ideale è poter pretendere un impegno professionale concreto e essere comunque liberi di vendere la propria abitazione ad esempio con il passaparola.
Con HomeSell.it sei libero da vincoli e ricevi un servizio professionale per vendere la tua casa.

Se senza esclusiva sei libero, il corrispettivo può essere elevato.

  • Troppe agenzie: quando ti rivolgi a troppe agenzie, in realtà nessuna di loro si prende seriamente l’impegno per vendere la tua casa;
  • Confusione pubblicitaria: in genere i canali online utilizzati dalle agenzie sono sempre gli stessi. I clienti rischiano di vedere la tua casa sugli stessi canali pubblicizzata con informazioni diverse tra loro. Questo crea dubbi e perplessità.

Ora che ne sai di più riguardo al mandato non esclusivo dell’agenzia immobiliare, ti invito anche a d approfondire i link sottostanti.

Torna su