lista-documenti-per-vendere-casa

Documenti per vendere casa

In questa guida trovi tutta la lista dei documenti per vendere casa che ti serviranno durante il rogito notarile. Se vuoi, puoi scaricare la lista completa direttamente cliccando su questo link. Ad ogni modo, nei paragrafi seguenti, per ogni tipologia di documento che ti servirà per vendere il tuo immobile, facciamo anche un breve riepilogo.

Vuoi valutare casa?

Quali documenti servono se vendi casa

Se stai vendendo casa o pensi di volerla vendere, è obbligatorio preparare la lista dei documenti necessari per andare a rogito. Personalmente ti suggerisco vivamente di preparare la lista dei documenti prima ancora di mettere l’immobile sul mercato. La motivazione è semplicemente che solo così, puoi renderti conto se va tutto bene o se manca qualcosa e le eventuali spese.

Alcuni documenti per vedere casa li dovresti avere tu, da qualche parte, come l’atto di provenienza. Mentre altri è necessario reperirli come le visure o aggiornarli come la certificazione energetica.

Quali sono i documenti obbligatori per vendere casa

In questa sezione vediamo l’elenco dei documenti che sono assolutamente obbligatori e quindi è bene che tu abbia già preparato.

  • atto di provenienza;
  • titolo edificatorio;
  • condoni;
  • visura catastale aggiornata;
  • Relazione Tecnica Integrata (non obbligatoria in tutte le regioni)
  • visura ipotecaria (la fa anche il Notaio poco prima del rogito);
  • Attestato di prestazione Energetica
  • Documenti di riconoscimento in corso di validità;
  • Eventuale attestato delle spese condominiali (se è presente il condominio)

 

Documenti migliorativi

Oltre a quelli elencati in precedenza, ci sono anche altri documenti, eventualmente necessari da allegare alla compravendita immobiliare. Solo in alcuni casi sono obbligatori, mentre in altri casi sono documenti migliorativi, che, in caso di mancanza non precludono la compravendita. Basti ad esempio pensare alla compravendita di un rudere sprovvisto di tali attestati.

  • Agibilità/abitabilità;
  • Certificazione di destinazione urbanistica (necessaria se compresi terreni superiori ai 5.000 mq);
  • Relazione tecnica integrata (non obbligatoria ovunque);
  • Impianti e libretto caldaia;
  • APE (non obbligatoria per fabbricati isolati con superficie. inferiore a 50 mq, ma comunque suggerita)
  • Regolamento di condominio (se presente ma non obbligatorio è comunque suggerito rimediarlo)
  • Elaborato planimetrico;
  • Eventuale rinuncia al diritto di prelazione

 

Altri documenti per vendita immobiliare che necessitano di aggiornamenti

Alcuni documenti per la vendita immobiliare devi rimediarli tu, mentre altri vanno richiesti ai tecnici, al Notaio o all’agenzia immobiliare. Tra questi, alcuni hanno una scadenza, come la certificazione energetica che dura 10 anni.

  • APE;
  • Visura catastale aggiornata;
  • Visura ipotecale aggiornata

 

La responsabilità del proprietario nel rimediare i documenti di vendita

Devi sapere che è il venditore deve garantire che la cosa venduta sia immune da difetti che la rendono inidonea all’uso a cui è destinata o ne diminuiscano il valore (art. 1490 c.c.). Per questo preparare i documenti per il rogito prima di ricevere una proposta di acquisto è importante. 😉

La responsabilità di rimediare la documentazione e le varie certificazioni dell’abitazione è responsabilità dell’attuale proprietario di casa. Infine, ricordati che la documentazione è da inviare al Notaio qualche giorno prima dell’atto di compravendita.

 

Cosa fare in caso di difetti

Qualora sai che il tuo immobile presenta un difetto, come una difformità più o meno lieve, comunicarla in anticipo alla controparte fa sempre parte delle responsabilità del proprietario. A tal proposito, sappi che i difetti sono rilevanti quando non sono conosciuti dall’acquirente.

Ma se così fosse, il rischio è di perdere la vendita, riconoscere uno sconto prezzo o addirittura pagare dei danni. Il Notaio e l’agenzia immobiliare controllano i documenti, ma non spetta a loro accertarsi che la casa sia conforme. Se hai dubbi o perplessità contattaci  e ti aiuteremo a risolverli. Se vuoi consultare un Notaio vicino alla tua zona, trova un Notaio a questo link.

Riepilogo e lista dei documenti per vendere casa

Di seguito trovi la lista completa dei documenti per vendere un immobile e andare al rogito in completa sicurezza. A fondo di questa guida, trovi l’elenco completo dei documenti per compravendita immobiliare da scaricare in pdf.

Documenti per vendere casa: l’importanza dell’atto di provenienza

L’atto di provenienza è quel documento che attesta la titolarità. Ad esempio, è l’atto Notarile che hai fatto quando hai acquistato la casa in precedenza.
La casa però può anche pervenire per successione ereditaria, donazione, compravendita, usucapione o sentenza giudiziale.

In altre parole si tratta di quel documento che certifica quale diritto detiene il proprietario della casa, le quote di proprietà e da dove proviene tale diritto. Se vuoi approfondire l’argomento leggi

Atto di provenienza

 

Certificazione energetica obbligatorio per vendere un immobile

La certificazione energetica come dice la parola, attesta la dispersione energetica della tua casa. Si tratta di un documento obbligatorio per poter vendere e affittare un immobile. Oltretutto questo documento per vendere casa dev’essere reperito prima di pubblicare l’annuncio di vendita, o c’è rischio di incorrere in sanzioni.
La certificazione energetica viene redatta da un tecnico abilitato e dura 10 anni.

certificazione energetica

 

Relazione tecnica integrata tra i documenti della casa

La Relazione Tecnica Integrata (o RTI), è un documento per vendere casa molto importante anche se non ovunque obbligatorio. Infatti attesta lo stato di conformità urbanistica dell’abitazione e certifica lo stato di fatto della casa. Qualora la casa non sia completamente conforme, possedere la relazione tecnica e mostrarla all’acquirente ti tutela in un’eventuale rivalsa dopo la compravendita. In questo modo infatti l’acquirente non potrà mai dire che non sapeva che c’era una difformità. Ovviamente è comunque meglio (in certi casi obbligatorio) risolvere le difformità prima del rogito notarile.

relazione tecnica

Anche se attualmente non è un documento obbligatorio in tutte le regioni, è assolutamente consigliato. Tutela l’acquirente e il venditore mettendo in luce eventuali difformità dell’immobile o la completa conformità nonché la buona fede contrattuale da parte del venditore. Questo certificato viene redatto da un tecnico abilitato (disinteressata alla vendita) e ne attesta lo stato di fatto dell’immobile (che può essere conforme o non conforme).

 

Planimetria catastale

La planimetria catastale, è un documento obbligatorio per vendere casa e dev’essere conforme rispetto allo stato dei luoghi. Dalla planimetria, in genere è possibile estrapolare la metratura dell’abitazione, la disposizione degli spazi interni  e la loro denominazione (cucina, camera, soggiorno ecc) oltre ai confini dell’unità immobiliare.

 

 

Visura catastale

Anche in questo caso si tratta di un documento obbligatorio per vendere casa nel quale vengono riportate una serie di informazioni, come ad esempio:

  • Gli estremi dell’unità immobiliare (codice comune, foglio, particella, subalterno)
  • La rendita catastale dell’immobile (calcolata per pagarne le imposte);
  • I dati delle persone che ne sono titolari (sia che si tratti di persone fisiche che di persone giuridiche come le società);
  • La consistenza (il numero di vani);
  • La superficie catastale;

Come leggere la visura catastale

 

Elaborato planimetrico

L’elaborato planimetrico è il disegno complessivo che rappresenta tutte le unità immobiliare che compongono l’edificio. Normalmente è in scala 1:500. La differenza tra la planimetria catastale e l’elaborato planimetrico, è che la planimetria catastale è riferita alla singola unità immobiliare (ad esempio l’appartamento al piano 3°) e riporta il disegno della stessa in maniera dettagliata.

Mentre invece l’elaborato planimetrico rappresenta tutte le unità immobiliari (al piano interrato, piano terra, piano 1°, piano 2°, piano 3° e via dicendo), ma con un dettaglio inferiore.

 

La visura ipotecaria è d’obbligo tra i documenti per vendere casa

La visura ipotecaria è un documento pubblico che consente ad un soggetto di sapere l’elenco delle formalità gravanti su un bene immobile. Ad esempio, è possibile sapere se su un dato immobile (identificato con gli estremi catastali) siano presenti formalità pregiudizievoli o semplicemente ipoteche legali o volontarie.

Certificazione ipotecaria

 

Certificato di abitabilità o agibilità

Benché si tratta di un documento non obbligatorio per vendere casa (basti pensare che sia possibile vendere un rudere anche se non abitabile), riveste comunque una forte importanza per ciò che riguarda l’aspetto di rivendibilità e quindi la commerciabilità dell’immobile.

Attenzione però, qualora manchi tale certificato perché l’immobile presenta un difetto e l’acquirente non ne fosse a conoscenza, quest’ultimo ha diritto al risarcimento danni, anche dopo la vendita. L’agibilità viene rilasciata a seguito di accertamenti igienico, sanitari e di sicurezza dell’unità immobiliare.

Certificato di abitabilità o agibilità della casa

 

Titolo edificatorio abilitativo

Anche in questo caso si tratta di documenti obbligatori per vendere casa. Infatti si tratta di pratiche amministrative, che identificano la tipologia di interventi che sono stati eseguiti. Si può trattare di una nuova costruzione o di una ristrutturazione dell’abitazione. Ad esempio si tratta di CIL (Comunicazione di inizio lavori), di una CILA (Comunicazione di Inizio Lavori Asseverata), SCIA (Segnalazione Certificata di Inizio Attività ), DIA (Denuncia Inizio Attività), PDC (Permesso Di Costruire).

 

Documento di certificazione di Destinazione Urbanistica (CDU) non sempre necessario

Il Certificato di Destinazione Urbanistica, conosciuto anche come CDU, è un documento obbligatorio per vendere casa nella compravendita è annesso un terreno di con superficie superiore o uguale ai 5.000 metri quadri. Quindi non necessiti di questo documento se stai vendendo casa con un semplice giardino. In caso invece devi richiedere il CDU, rivolgiti ad un tecnico abilitato o richiedilo direttamente in comune.

 

Eventuali convenzioni edilizie particolari

Si tratta di qualsiasi tipologia di convenzione edilizia che sussiste sull’immobile oggetto di vendita. Ad esempio una particolare convenzione fatta all’epoca tra il costruttore e il comune e via dicendo. Questo dev’essere riportato nell’atto di compravendita precedente, come visto in precedenza. Ad ogni modo, potresti voler donare l’immobile oltre che venderlo, pertanto è comunque utile rimediare anche le eventuali convenzioni edilizie tra i documenti per il rogito notarile.

 

Condono edilizio e concessione in sanatoria

Il condono edilizio, consente grazie al pagamento di una quota, di porre rimedio alle eventuali (e frequenti) opere in contrasto con il regolamento edilizio. Per cui qualora il tuo immobile sia stato condonato completamente o in parte, è bene reperire anche questa attestazione tra i documenti da portare al rogito.

 

Rinuncia al diritto di prelazione

Si tratta di un documento necessario vendere l’immobile locato ad una terza parte che non sia l’eventuale inquilino, perché quest’ultimo ha rinunciato alla prelazione, potrai farlo ma assicurati di aver ricevuto la relativa comunicazione dall’ufficiale giudiziario. Infatti non è sufficiente una raccomandata A/R.

Diritto di prelazione

 

Eventuale regolamento di condominio

Il regolamento di condominio come riportato dall’art. 1138 c.c. è obbligatorio qualora i condomini siano in numero superiori a 10. In questo caso, si tratta di un documento del quale l’acquirente deve prenderne visione e consapevolezza.

 

Attestato del pagamento delle spese condominiali

Come riportato dall’art. 1130 c.c. nr. 9 è obbligatorio rilasciare l’attestato del pagamento delle spese condominiali.

 

Certificazione degli impianti e libretto della caldaia

La certificazione degli impianti e il libretto della caldaia sono documenti per il rogito non obbligatori. Piuttosto si tratta di documenti informativi. Le parti possono compravendere l’unità immobiliare residenziale senza le relative certificazioni degli impianti (basti pensare ad un casolare in pessimo stato di conservazione).

 

Documenti personali delle parti

In ultimo è necessario che le parti si assicurino di avere i documenti personali in corso di validità.

  • Codice fiscale;
  • carta d’identità;
  • estratto dell’atto di matrimonio;
  • certificato di residenza;

Se l’immobile è intestato a persona giuridica o chi acquista è una persona giuridica, è necessaria la relativa visura camerale.

Scarica l’elenco completo dei documenti per vendere casa in PDF

Se ti serve il riassunto della lista completa dei documenti per vendere casa appena visti, puoi scaricarla cliccando al link sottostante.

  Scarica l’elenco dei documenti per vendere casa  

Torna su