Atto di provenienza della casa

Ecco cos’è l’atto di provenienza della casa e perché è così importante per venderla.

Infatti se sei su questo articolo, forse è proprio perché vuoi vendere casa.
Quindi se vuoi vedere la lista completa dei documenti per vendere casa ti invito a dare un’occhiata a questo link.

Iniziamo approfondendo:

Cos’è l’atto di provenienza

Come anticipato, l’atto di provenienza della casa è quel documento che attesta:

  • La tipologia di diritto (tipo la “piena proprietà”, nuda proprietà, usufrutto, donazione, ecc);
  • La persona (fisica o giuridica) a cui è intestato il diritto reale;
  • Le quote assegnate
  • La data di creazione;
  • Il numero di repertorio (utile per farne richeista);
  • Gli estremi catastali relativi all’immobile (identificabili tramite la visura catastale spiegata a questo link);
  • Lo stato di fatto della casa (abitabilità/agibilità, titolo edificatorio ecc);
  • Eventuali clausole (come servitù, limitazioni, vincoli ecc)
  • Il precedente intestatario (o intestatari);

A cosa serve

La risposta a questa domanda vien da se, benché non sempre è scontata.
La risposta semplice è che l’atto di provenienza della casa serve a sapere da chi e da dove proviene l’abitazione. E soprattutto in quale modo sia pervenuta, perché come detto può pervenire sia per compravendita, che per donazione, ma anche per eredità, usucapione o permuta.

Approfondendo la provenienza, se ad esempio la casa è pervenuta per donazione, la banca qualora le venga richiesta di istituire una pratica di prestito di mutuo da parte di un potenziale acquirente non è detto che lo conceda. Infatti se la casa perviene per donazione concedere un prestito per qualsiasi istituto bancario è un rischio. Per saperne di più leggi questo link.

Chi crea l’atto di provenienza

L’atto di provenienza viene redatto di norma dal Notaio, ma potrebbe essere anche creato dal giudice a seguito di una sentenza.
Ad esempio viene redatto dal Notaio durante una normale compravendita nel libero mercato, mentre qualora l’immobile è stato acquistato all’asta oppure per usucapione allora il trasferimento è compito del giudice.

Le tipologie di provenienza

Come anticipato poco fa, un immobile può pervenire per:

  • Libera compravendita;
  • Decreto ingiuntivo di trasferimento (all’asta);
  • Donazione;
  • Eredità;
  • Usucapione

Come reperire l’atto di provenienza immobiliare

Se vuoi reperire l’atto di provenienza puoi visitare il sito del ministero della giustizia. A questo link puoi richiedere la copia dell’atto Notairle.
Puoi recarti fisicamente presso la sede dell’archivio, puoi richiederlo per posta elettronica (mail) o fax.
Ma se il Notaio ha cessato la professione, allora puoi richiederlo sempre sul sito del ministero della giustizia ma su Archinota a quest’altro link.

 

Il costo per reperire l’atto di provenienza

Sempre sul sito del ministero di giustizia, viene riportato che il costo di una copia autentica rilasciata in carta libera (composto da 4 facciate) ha un costo complessivo di 30,00 euro. Ci sono inoltre da considerare i costi della marca da bolo di 16 euro ogni 100 righe per copia cartacea o unica marca da bollo da 16 euro per via telematica.

Per saperne di più su come vendere casa trovi l’articolo dettagliato a questa pagina. HomeSell.it-agenzia immobiliare online

Atto di provenienza della casa
Matteo Signorotti

Matteo Signorotti

Agente immobiliare dal 2015, ha lavorato per le più conosciute società del settore.

Leave a Reply