agenzie-tecnocasa-recensioni

Agenzie Tecnocasa: quando utilizzarle e quando no

Ciao questo articolo intitolato “Agenzie Tecnocasa: quando dovresti evitarle” ha lo scopo di aiutarti a capire se il principale franchising immobiliare italiano fa al caso tuo, offrendoti un punto di vista obiettivo e trasparente. 😊 Premetto che ho lavorato per più di un anno all’interno di Tecnocasa e la formazione ricevuta mi ha aiutato a migliorare le mie abilità professionali. 

Provvigioni imbarazzanti 🙁

Partiamo da questo punto perché pensiamo che sia quello che può interessarti maggiormente. Cioè, perché dovresti pagare provvigioni più alte della media (circa 8.000 euro) per comprare o vendere casa senza ottenere vantaggi concreti? Per i dettagli sulle percentuali (a quanto ammonta, chi la paga ecc) leggi questo articolo.

Un’agenzia immobiliare in franchising ha costi fissi molto alti, che influiscono sul costo del servizio ricevuto senza però offrire vantaggi concreti ai clienti finali (ne parliamo tra pochissimo). I dati di Tecnoborsa dimostrano che meno di 2 persone su 100 entrano direttamente in agenzia per acquistare casa (l’immagine successiva mostra l’articolo). Infatti chi entra in agenzia, lo fa perché ha già visto l’immobile tramite qualche pubblicità.

Si tratta dell’ennesima ricerca che afferma che chi acquista casa consulta social network, passa parola tra amici e conoscenti e siti immobiliari.

Come visto i costi fissi (ad esempio le alte Royalty dovute ogni mese alla casa madre) non influenzano il modo in cui viene cercata (e quindi venduta) la casa. Quindi per te che vendi o compri casa che vantaggio avresti nel pagare provvigioni tanto elevate rivolgendoti ad un’agenzia che ogni mese ha migliaia di euro di costi fissi (dalle Royalty alla casa madre all’ufficio più figo della città) se i canali più utilizzati sono l’online o il passa parola?  🙄

Se la risposta è perché il “franchising è una rete” oppure “perché distribuisce il giornalino”, come vediamo tra poco è fumo negli occhi.
L’unica risposta accettabile per una provvigione tanto alta  è solo se ti vengono risolte delle beghe davvero importanti per le quali da solo non sapresti come fare.

Obbiettivamente gli alti costi di gestione che ha un’agenzia in franchising come Tecnocasa, pesano sulle provvigioni senza offrirti alcun vantaggio rispetto ad un’altra qualsiasi agenzia.

Ogni agenzia è autonoma, altroché collaborazione 🙁

Tra le ragioni per cui un agente Tecnocasa (come anche alcuni altri franchising) cercano di convincerti ad dargli l’incarico in esclusiva è proprio il fatto della rete di agenzie. Ma è davvero così?

Un franchising è una rete ma ogni agenzia è autonoma. Questo significa che, non esiste alcun obbligo di collaborare (e di fatto in genere non si collabora) con agenzie fuori dalla rete. E proprio per i costi elevanti che ha un’agenzia in franchising, collaborare non è più conveniente dal momento che la provvigione si dimezza. Infatti quando si collabora tra agenzie, ognuna incassa la provvigione del proprio cliente e come abbiamo visto in precedenza non è sufficiente specie per le agenzie in franchising. Per questo è più facile creare una rete tra agenzie non in franchising che tra quelle in franchising, nonostante l’apparenza.

All’interno di Tecnocasa (come per altre reti) ci sono degli accordi che regolano la gestione delle collaborazioni, solo se l’immobile in vendita si trova all’infuori dell’area di competenza dell’altra agenzia. In pratica se l’agenzia 1 e l’agenzia 2 fanno parte dello stesso marchio collaborano solo se l’agenzia 1 trova una casa in vendita nella zona dell’agenzia 2. Una vera collaborazione invece implica anche a due agenzie nella stessa area di collaborare tra di esse, cosa che non avviene nelle principali agenzie in franchising come Tecnocasa. E se ci pensi, questa modalità va a discapito del cliente.

Lo scopo della collaborazione dovrebbe essere quello di aiutare il cliente finale a vendere o comprare casa indipendentemente dal colore dell’agenzia con cui si collabora. A tal proposito, chiedi al consulente Tecnocasa se hanno accordi di collaborazione anche con agenzie esterne alla rete e se hanno già collaborato in passato.

Le opinioni dei clienti 🙁

Per dimostrarti che non ci stiamo inventando tutto, dovresti dare un’occhiata alle opinioni. Come dicevo in precedenza, ogni agenzia è autonoma, quindi la differenza non la fa il marchio madre ma il professionista (in genere il titolare) che la gestisce. Come vista in precedenza ci sono pro e contro ma i costi rimangono elevati anche qualora ti dovessi rivolgere all’agenzia sbagliata. Il nostro suggerimento è sempre quello di prestare attenzione, non legarti con un incarico in esclusiva se non te la senti e pattuire già da subito il servizio offerto la provvigione. Per approfondire il contratto in esclusiva puoi farlo a questo articolo.

Invece se vuoi leggere le opinioni di terze parti puoi farlo su Trustpilot.com a questo link e su Opinioni.it a quest’altro link.

Il personale è qualificato? 😐

Senza entrare nei dettagli, l’agente immobiliare qualificato è un professionista che ha superato l’esame abilitativo. Si tratta di un percorso di studi professionale, ricco di nozioni e non semplice da passare. In Italia si contano infatti solo 40.000 agenti immobiliari abilitati e circa altrettanti non abilitati, quindi abusivi a tutti gli effetti. Detto ciò, nelle agenzie Tecnocasa (come in tanti altri franchising) è facile trovare personale giovanissimo, alle prime esperienze e senza i requisiti professionali. Ovviamente il tutto è supportato in genere dal titolare, che dev’essere una persona preparata e competente dell’ambito della compravendita immobiliare. D’altra parte i franchising sono anche le agenzie migliori per imparare la professione, dal momento che mettono a disposizione una buona formazione interna. Personalmente quando iniziai a lavorare in Tecnocasa fui già abilitato alla professione e apprezzai molto la formazione interna. Velocizzò il mio apprendimento e mi aiutò a diventare un professionista migliore.

In definitiva le agenzie in franchising utilizzano (beh…”sfruttano” 🙃) la motivazione di chi è all’inizio (facendo fare migliaia di campanellini e telefonate a freddo) ma in compenso offrono una buona formazione interna. Tutto sommato però per chi vende o compra casa non è detto che sia vantaggioso.

Capillarità nel territorio: vantaggio reale o apparente?🙂

Le agenzie immobiliari Tecnocasa sono note per essere una rete abbastanza capillare più o meno in tutte le regioni italiane. Come visto in precedenza purtroppo la singola agenzia Tecnocasa non è aperta ad una vera e propria collaborazione con le altre agenzie limitrofe non appartenenti alla stessa rete. Proprio per questo la capillarità della rete del principale franchising immobiliare italiano è più un vantaggio per la casa madre (più agenzie ci sono più la casa madre monetizza) che per il cliente finale.

Affinché la rete sia vantaggiosa per il cliente finale, come visto nei paragrafi precedenti, le informazioni di chi acquista e vende casa dovrebbero essere condivise con tutta la rete di agenzie immobiliari indipendentemente dal marchio di appartenenza.

Banca dati condivisa e tecnologia 🙂

Finalmente un secondo punto a favore di questo noto franchising è la tecnologia che aiuta a gestire il lavoro del singolo consulente immobiliare. Infatti chi lavora nelle agenzie Tecnocasa ha a disposizione una banca dati di acquirenti sui quali fare attività di telemarketing (ma a volte con centinaia di nominativi anche di vecchia data e quindi non sempre aggiornata😕) e una dashboard nella quale gestire appuntamenti, proposte e via dicendo. Ultimamente sono state incrementate anche tecnologie di visita a distanza, sicuramente utili come prima scrematura.

Anche trattandosi di tecnologie in dotazione ad altre agenzie immobiliari (quelle più moderne), sono pur sempre di aspetti utili.

Richiesta di esclusiva 😐

Generalmente tutti i franchising immobiliari richiedono a chi vende casa di firmare un mandato di esclusiva immobiliare (o meglio un incarico in esclusiva). In questo modo le agenzie Tecnocasa lavorano più serene dalla concorrenza, ma non sempre è un vantaggio per chi vende casa. D’altra parte benché ci siano linee guida suggerite dalla casa madre agli affiliati, ogni agenzia come già detto è autonoma.

Le agenzie Tecnocasa spingo sempre affinché il proprietario conceda l’incarico in esclusiva, benché tieni sempre a mente che la scelta scelta finale è sempre concordata tra le parti.

A proposito, se vuoi approfondire il contratto di esclusiva ti suggerisco di farlo a questo link.  Se invece vuoi sapere come disdire un mandato di esclusiva allora leggi qua.

Agenzie Tecnocasa: i canali pubblicitari sono efficaci? 😐

Quando parlerai con un agente immobiliare che lavora in un’agenzia Tecnocasa, lo sentirai parlare con entusiasmo riguardo al giornalino cartaceo, ai volantini e più in generale ai canali pubblicitari di Tecnocasa. Peccato però non sa indicarti quante case ha vendono attraverso il giornalino cartaceo (che per altro è un bel costo) e attraverso i volantini.

Come dimostrato in precedenza, gli acquirenti utilizzano principalmente i social network, il passa parola e i siti immobiliari per vendere casa (se vuoi saperne di più su come vendere casa online, trovi maggiori dettagli in questa guida).

La realtà è che mentre ha una certa efficacia fare annunci per vendere prodotti di prezzo medio-basso (elettrodomestici scontati, prodotti alimentari e via dicendo) tramite un giornalino cartaceo, è assolutamente inefficace vendere una casa tramite per mezzo del giornalino.

Allora perché spendono tanti soldi per farlo? La risposta è più semplice di quello che immagini: per far girare il nome Tecnocasa con frequenza, affinché le persone si ricordino del marchio.

Questo in teoria dovrebbe influenzare le persone a scegliere il marchio Tecnocasa perché è molto conosciuto, ma le cose stanno un po’ cambiando. Ad esempio se tu stai leggendo questo articolo significa che ti stai informando riguardo le agenzie Tecnocasa, cercando attivamente informazioni utili. Cosa che un volantino non può offrirti. E come detto all’inizio,  le provvigioni sono più alte della media proprio per ricoprire anche i costi di questi strumenti cartacei (la cui efficacia va via via perdendosi nel tempo).

Alla fine, anche le singole agenzie Tecnocasa, devono creare abbonamenti per i siti immobiliari come tutte le altre agenzie tradizionali, proprio perché più efficaci.

Agenzie Tecnocasa: conclusione

In conclusione, ora sai quando dovresti evitare le agenzie Tecnocasa. Oggigiorno il noto franchising purché sia un colosso della mediazione immobiliare, ha dovuto il suo successo ormai oltre 30 anni fa perché all’epoca il fondatore fu un “visionario”.

Però col fatto che ogni agenzia immobiliare è autonoma e subisce a proprio carico ingenti costi di gestione e di franchising, deve applicare provvigioni più alte della media senza offrire un servizio qualitativamente migliore.

Tutt’altro, in alcuni casi come abbiamo visto ci sono pecche che fanno storcere il naso e le opinioni dei clienti confermano tutto ciò.

Torna su